Usa la gamification nel tuo piano content marketing

Content Marketing
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Gamification è un termine anglosassone. Si basa sull‘uso di tecniche, elementi e dinamiche di giochi e tempo libero in attività non ricreative, al fine di migliorare la motivazione degli utenti. Oltre a rafforzare il comportamento per risolvere un problema, migliorare la produttività, ottenere un obiettivo, attivare l’apprendimento e valutare individui specifici.

Ciò significa che le attività non hanno nulla a che fare con le strategie ricreative e divertenti. Ad esempio, l’insegnamento o il marketing, introducono elementi e strutture dei giochi, come un insieme di regole, concorsi o premi, per motivare la partecipazione attiva delle persone coinvolte e che ti aiuteranno nel tuo piano di marketing dei contenuti

Tipi di giocatori

Esistono quattro tipi di giocatori con motivazioni e interessi diversi nei confronti del gioco. Da un lato, ci sono quelli che si concentrano sul raggiungimento degli obiettivi e sul risultato finale del gioco e, dall’altro, quelli che si concentrano maggiormente sul valore partecipativo e giocoso che il gioco comporta in sé.

  • L’ambizioso: la sua motivazione principale è vincere e ottenere il primo posto in classifica. Il modo per trattenere questi partecipanti al gioco è attraverso l’uso di classifiche in cui possono verificare come stanno superando i diversi livelli e come stanno scalando le posizioni.
  • Il vincitore: è un tipo di giocatore avventuroso, la cui motivazione principale è continuare a scoprire nuovi scenari, piattaforme o livelli e superare gli obiettivi fissati nel gioco. In questo senso, la motivazione è intrinseca ed è più legata alla soddisfazione personale o al bene del gruppo.
  • Il socievole: la sua motivazione è di tipo sociale rispetto alla stessa strategia di gioco, condivide con gli altri o crea una rete di contatti o amici. Fa parte del gioco attraverso chat o elenchi di amici.
  • L’esploratore: è il giocatore a cui piace scoprire ciò che gli è sconosciuto. È attratto dalle complesse sfide attraverso le quali può superare i diversi livelli del gioco. La sua motivazione è l’auto-miglioramento

Gamification nel tuo piano di marketing dei contenuti

Nel campo della strategia di marketing, è una pratica che utilizza le dinamiche di gioco per aumentare la lealtà e la conversione dell’utente rispetto a un particolare brand o prodotto.

In altre parole, la gamification utilizza il gioco come mezzo per aumentare la sua partecipazione, definire i comportamenti degli utenti e consolidare le idee che hanno in merito a un particolare business, prodotto o servizio. Trova una comunicazione più interattiva con questi utenti.

Utilizzando sfide, livelli, punti, personalizzazione, classifiche e badge e il sistema di ricompensa, l’utente è attratto e motivato a partecipare e ripetere il gioco. Pertanto genera un interesse per il prodotto o il servizio.

Tipi di gamification

  • Esterna: pratiche incentrate sul marketing o sulle vendite, volte a fidelizzare i clienti o attirare nuovi clienti.
  • Interna: pratiche incentrate sulle risorse umane di un’azienda, per migliorare la produttività e l’impegno dei lavoratori.
  • Gamification per modificare i comportamenti: si concentra sul cambiamento delle abitudini di un gruppo sociale a favore di una causa o sul raggiungimento di un obiettivo aziendale.

5 motivi per cui dovresti incorporare la gamification nella tua strategia di marketing

1.- Lealtà

Mescolando contesti estranei al gioco, puoi cambiare la percezione dell’utente. Vengono create esperienze ed emozioni positive, l’utente sente che ciò che sta consumando ha più valore.

Più l’utente “gioca”, più consuma perché ha più possibilità di vincere. L’utente è incoraggiato a partecipare.

Genererai impegno e una vicinanza con l’utente che ti servirà, ad esempio, per il lancio di un prodotto, rafforzerai quel collegamento che alla fine si tradurrà in una relazione duratura nel tempo tra la tua azienda e i tuoi utenti.

2.- Social media

Agli utenti piace competere e condividere i migliori risultati sui social network, in modo da diventare uno degli elementi principali per la gamification perché aumenta la loro partecipazione.

In questo modo, espanderanno il tuo brandaziendale e ti aiuteranno a ottenere visibilità.

3.- Feedback utile

Se usi la gamification nel tuo piano di content marketing, raccoglierai informazioni importanti dai tuoi utenti, saprai quali sono i loro gusti, le loro preferenze e questi ti aiuteranno a sapere quali contenuti stanno cercando. In questo modo, sarà più semplice regolare tali contenuti a beneficio della tua azienda.

Crea azioni puntuali di gamification. Ognuna è la scusa perfetta per creare contenuti per identificare l’obiettivo della tua strategia o progetto.

4.- Creatività

Ogni utente è diverso e in base allo stato in cui si trova, ha bisogno di esperienze diverse. Altrimenti non avrai interesse per il contenuto. Se ti muovi per motivazioni estrinseche, la soluzione è sviluppare meccaniche di gioco; se lo fai intrinsecamente, crei dinamiche di gioco che ti rendono parte di quella comunità di brand.

La cosa migliore è che molte delle migliori iniziative che sono state sviluppate attraverso l’uso delle dinamiche di gioco non richiedono grandi investimenti di capitale. Allo stesso modo, la gamification è adattabile alle esigenze di ogni azienda e anche i processi più “noiosi” possono essere gamified.

5.- Crescita

Infine, è importante notare che uno dei migliori motivi per utilizzare la gamification nel piano di marketing dei contenuti è l’incredibile crescita che questa tendenza sta attualmente vivendo.

A questo proposito, un rapporto di M2 Research stima che il mercato della gamification ha raggiunto nel 2016 2,8 miliardi di dollari. Allo stesso modo, Blanca Terrado in Todostartups sottolinea che il mercato sta crescendo ad un tasso del 198%, a dimostrazione dell’enorme attenzione globale che la gamification attualmente riceve.

È, senza dubbio, un processo che, in futuro, sarà praticamente indispensabile in qualsiasi strategia di marketing digitale.

Esempi di gamification di content marketing

1.- Starbucks

La gamification ha raggiunto Starbucks, che ha lanciato una campagna per promuovere il consumo dei suoi prodotti attraverso una carta punti: più prodotti consumati, più stelle accumulate e con più stelle accumulate, l’utente sale di livello e può riscattare i premi.

Un’idea semplice che enfatizza il superamento dei livelli e del sistema di ricompensa, un aspetto fondamentale delle dinamiche di gioco.

2.- Nike +

Molti appassionati di corsa conoscono questa applicazione che trasforma lo jogging in qualcosa di più del semplice esercizio fisico per bruciare calorie. Con Nike +, l’utente compete contro se stesso e contro la community Nike, perché questo strumento consente di registrare velocità, distanze percorse e calorie bruciate durante l’attività fisica.

Il ciclista condivide i suoi risultati con altri corridori, la cui partecipazione e interazione nella community aiuta a migliorare ed estendere l’immagine di Nike.

La condivisione delle prestazioni sportive rafforza l’identità della comunità e migliora l’impegno della persona verso un obiettivo comune, in questo caso lo sport.

3.- Gamisfaction

Lo strumento “gamisfaction”, come suggerisce il nome, utilizza la gamification per attirare gli utenti di Twitter e incoraggiare l’interazione nella comunità virtuale. Questo servizio premia gli utenti Twitter più attivi con punti e risultati in base all’intensità della loro attività e interazione con altri utenti.

Pertanto, Gamisfaction premia con più punti quei “follower” che ottengono più Retweet e preferenze e incoraggia la partecipazione al social network di microblogging.

4.- MySocialME

MySocialMe ti mostra le caratteristiche più significative della tua personalità social. Questa applicazione ti consente di misurare il tuo livello di influenza sociale attraverso un “selfie sociale”. In altre parole, l’applicazione offre all’utente una “radiografia” molto completa della capacità di influenzare la propria rete di amici su Facebook analizzando il livello di interattività durante la vita sociale.

Questa applicazione consente:

  • Di conoscere l’indice di influenza.
  • Di scoprire la tua età sociale.
  • Di esplorare il tuo livello di soddisfazione personale.
  • Scopri i 5 tratti della personalità social, gli interessi, confronta il tuo profilo con quello dei tuoi amici e conoscenti.
  • Scopri la compatibilità che hai con ciascuno di essi.

Per attivare l’account vai su mysocialme.com, ti iscrivi con il tuo account Facebook e dal primo secondo l’applicazione inizia ad analizzare tutta la tua vita social, dai tuoi Mi piace, tutte le tue condivisioni, l’impatto delle tue pubblicazioni verso i tuoi amici … ecc. . Una volta terminato, ti propone il tuo selfie social.

5.- Gioco BBVA

BBVA ha lanciato una strategia di gamification per promuovere l’uso del banking online. Gli utenti accettano sfide ed eseguono azioni sul sito Web della banca, in modo da guadagnare punti e premi.

L’obiettivo di BBVA è di familiarizzare i propri clienti con l’online banking per liberare filiali fisiche, spesso sature.

6.- La lotteria degli autovelox


L’agenzia nazionale per la sicurezza stradale di Stoccolma e Volkswagen hanno lanciato un innovativo sistema di autovelox che utilizzava la gamification per promuovere il rispetto dei limiti di velocità su strada.

Questa iniziativa ha premiato coloro che hanno rispettato i limiti e li ha inclusi in una lotteria, il cui premio erano i soldi raccolti con multe per eccesso di velocità.

Il programma ebbe successo nella capitale svedese e riuscì a correggere le abitudini di guida dei conducenti di Stoccolma, riducendo la velocità media sulle loro strade da 32 a 25 km all’ora.

Sai dove trovare influencer per aiutarti nella tua strategia di content marketing? Coobis è il tuo strumento. Una piattaforma di content marketing che puoi gestire in modo intuitivo.